Come posso inviare i libri?

Potete inviare i vostri libri direttamente al Servizio di Formazione all’Autonomia 2
in via Reverberi, n.17, 25128 – Brescia.

LIBRI DONATI: +300

 

Un progetto che unisce la cultura letteraria alla cultura dell’integrazione.

Il Servizio di  Formazione all’Autonomia 2 per persone disabili  della Cooperativa La Mongolfiera di Brescia si attiva  per promuovere un punto prestito libri all’interno della degenza del reparto oncologico dell’Ospedale civile di Brescia”.

“Scrittori in corsia” è un progetto nato dalla collaborazione tra una piccola e vitale biblioteca comunale, situata nel quartiere “Villaggio Prealpino” di Brescia, il reparto di Degenza di Oncologia degli Spedali Civili, e il servizio educativo diurno per persone con disabilità della Cooperativa Sociale “La Mongolfiera”.
Il progetto biblioteca “Scrittori in corsia” ha come protagonisti una decina di giovani ragazzi e ragazze che accedono al Servizio di Formazione all’Autonomia 2 (SFA 2) di via Reverberi, n.17.

Il Servizio di Formazione all’Autonomia, attraverso interventi educativi individuali e di gruppo per lo sviluppo di abilità e competenze, crea consapevolezza, autodeterminazione, autostima e autonomia per permettere ai nostri ospiti di costruire il loro futuro.

Le figure educative professionali del Servizio SFA 2 seguono i lavori dei gruppi coinvolti nel progetto. Il primo gruppo svolge un lavoro essenzialmente artistico, dove i ragazzi disegnano dei segnalibri da donare ai pazienti e alle loro famiglie. Il secondo gruppo esegue invece un lavoro di catalogazione e riordino periodico dei libri donati dai cittadini alla biblioteca già esistente presso il reparto ospedaliero. Il tutto avviene in stretta collaborazione e sinergia con la Biblioteca del “Villaggio Prealpino” che ci offre costantemente i suoi consigli per lavorare al meglio.

Per i nostri giovani è oramai un appuntamento fisso ogni martedì pomeriggio.

Armati di entusiasmo, volontà e libri si fanno promotori di un servizio mirato a confortare quelle persone costrette a confrontarsi con l’universo della malattia e della cura. Data la grande motivazione dei ragazzi, a partire dal mese di ottobre 2017, la biblioteca comunale ha chiesto al Servizio SFA 2 di aprire e allestire nel Reparto adiacente una biblioteca tutta nostra. Così abbiamo iniziato la nostra avventura partendo da una stanza con un tavolo, quattro sedie e un piccolo scaffale da riempire con tanti libri.

Il nostro intento è di rendere più confortevole possibile un ambiente in cui, pur respirando l’atmosfera del Reparto Oncologico, si possa trasmettere speranza e bellezza con gli immancabili sorrisi dei nostri ragazzi, con i quadri realizzati nei nostri laboratori d’arte da appendere alle pareti e i libri che noi ci auguriamo possano arrivare numerosi, da far leggere ai pazienti e ai loro congiunti tra un’attesa e una chemio.

Prevediamo  visti i tempi materiali e burocratici necessari alla piena realizzazione, che  il tutto potrà essere pronto per il mese di ottobre di quest’anno.

La lettura, la cordialità, l’amicizia e la leggerezza di un sorriso fanno bene a tutti, in particolar modo a coloro che affrontano la sofferenza e la malattia.

Siamo felici di partecipare a questo progetto, non solo perché i nostri giovani ospiti possono affermare la loro identità attraverso un’inclusione sociale così stimolante, ma anche per aver toccato con mano l’importanza e il valore dei libri e della lettura come cura e sollievo.

I nostri ringraziamenti vanno al Reparto di Oncologia degli Spedali Civili che ha creduto in questa iniziativa fornendo gli spazi fisici per realizzare tutto ciò e alla biblioteca comunale del Villaggio prealpino che con la sua esperienza ci ha consentito di promuovere il nostro operato.

Ringraziamo inoltre, il portale artistico letterario Cyranofactory.com, formato da professionisti e appassionati dei settori Arte, Cinema, Teatro, Libri, Musica, Viaggi culturali e iniziative sociali come questa. Cyrano Factory che  ha divulgato il progetto biblioteca al fine di sensibilizzare gli scrittori, le case editrici, le librerie e i tanti fruitori del portale e invitarli a donarci qualche libro, in modo da incrementare il patrimonio delle biblioteche create all’interno degli Spedali Civili di Brescia.

All’oggi hanno aderito numerosi nomi della scrittura italiana, donando i loro libri, dopo la pubblicazione del progetto avvenuta il 4 aprile sul sito.

Tra questi: Antonio Manzini, Francesco Carofiglio, Antonella Ossorio, Annalisa Strada, Sara Bilotti, Annalisa Strada, Luca Poldemengo, Francesco Aprile, Paolo Casadio, Alessia Gazzola  e tanti altri.

Contiamo all’oggi più di 300 libri arrivati grazie a tale iniziativa.

Auspichiamo inoltre,che tutto ciò possa contribuire a far nascere simili realtà anche in altre realtà ospedaliere in tutta Italia.

per L’Equipe Educativa del Servizio SFA 2 della Cooperativa Sociale “La Mongolfiera”

Rachele Anna Manzaro